HomeSalute«Abbiamo seguito il consiglio degli esperti»

«Abbiamo seguito il consiglio degli esperti»

Devi leggere

L’Austria torna sui suoi passi: sospesa infatti la legge sulla vaccinazione obbligatoria anti-Covid. Lo ha annunciato il governo austriaco. In una conferenza stampa il ministro degli Affari europei Karoline Edtstadler ha annunciato che il Governo ha «deciso di seguire il consiglio della commissione di esperti» e di «sospendere» la vaccinazione obbligatoria.

Green pass all’estero e viaggi di primavera, ecco dove serve e dove non si usa il certificato verde in Europa

Novavax, slitta avvio prenotazioni nel Lazio. La Regione: «Nessuna certezza su data arrivo forniture»

La vaccinazione obbligatoria era stata introdotta con una legge approvata a febbraio, che aveva reso l’Austria il primo paese occidentale a imporre un obbligo vaccinale per buona parte della popolazione. La sospensione, ha detto il governo, «ha effetto immediato»​. La legge prevedeva una prima fase di informazione della popolazione, in modo da dare il tempo ai non vaccinati di provvedere, e una seconda fase in cui le autorità avrebbero cominciato a comminare sanzioni. Questa seconda fase sarebbe dovuta iniziare il 15 marzo, con controlli a campione fatti dalle forze dell’ordine, ma la decisione del governo austriaco ne ha bloccato la partenza.

Rispetto a quando la legge era stata proposta, lo scorso dicembre, la situazione dei contagi nel paese è sensibilmente migliorata e la gran parte delle restrizioni dal 5 marzo era stata eliminata. Per questo motivo nelle scorse settimane il governo aveva formato una commissione composta da scienziati e giuristi con il compito di valutare se la vaccinazione obbligatoria fosse ancora una misura necessaria e proporzionata rispetto all’andamento della pandemia. L’8 marzo la commissione ha riferito al governo di ritenere che non ci sia bisogno di un obbligo vaccinale in Austria al momento. Il ministro della Salute, Johannes Rauch, e la ministra per gli Affari costituzionali, Karoline Edtstadler, hanno quindi annunciato che il provvedimento è stato sospeso con effetto immediato, e che la commissione riferirà di nuovo tra tre mesi al governo un’eventuale nuova decisione al riguardo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here