Alec Baldwin fa causa alla troupe per la sparatoria sul set di «Rust»- Corriere.it

0
17

L’attore ha citato in giudizio l’addetta alle armi Hannah Gutierrez-Reed; Dave Halls, assistente regista; Sarah Zachry, incaricata degli oggetti di scena e Seth Kenney che ha fornito armi e munizioni alla produzione

La causa è una risposta a quella presentata l’anno scorso a Los Angeles dalla scenografa Mamie Mitchell che aveva accusato Baldwin e il resto della produzione di averle provocato gravi traumi emotivi a causa della sparatoria. L’attore, riaffermando la propria estraneità alla tragedia, ha tirato in causa ora l’addetta alle armi, Hannah Gutierrez-Reed
, il primo assistente regista Dave Halls che gli mise la pistola in mano quel giorno dichiarando che era sicura, Sarah Zachry, che era incaricata degli oggetti di scena e Seth Kenney, che avrebbe fornito al film armi e munizioni tra cui pistola e pallottole incriminate.

«Questa tragedia è avvenuta su un set cinematografico — non un poligono di tiro, non un campo di battaglia, non un luogo in cui potrebbe esistere anche una remota possibilità che una pistola contenga proiettili veri. Questa tragedia è successa perché munizioni “vive” sono state consegnate sul set e caricate su una pistola», ha detto l’avvocato di Baldwin, Luke Nikas. Che ha aggiunto: «Più di chiunque altro su quel set, Baldwin è stato erroneamente considerato l’autore di questa tragedia. Con queste citazioni in giudizio, Baldwin cerca di riabilitare il suo nome».

Il dramma sul set risale al 21 ottobre 2021 durante le lavorazioni di «Rust», un western a basso costo di cui Baldwin è co-produttore oltre che interprete, in un ranch del New Mexico fuori da Santa Fe. L’ufficio dello sceriffo di Santa Fe ha recentemente completato le indagini e il dossier, tuttora top secret, è ora nelle mani della procuratrice Mary Carmack-Altwies per le decisioni sul caso.

12 novembre 2022 (modifica il 12 novembre 2022 | 17:25)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here