Chastain e Cruz le superspie, la grande beffa del soldato Firth, Zac Efron pap horror, Adle Exarchopoulos hostess in crisi, la cena perfetta di Greta Scarano: i film nei cinema, su Sky, Netflix, Prime e le altre piattaforme

0
167

Sintesi del bene e del male che (forse) ci aspetta secondo Secret Team 355: 1) l’arma del futuro — pi letale dell’atomica e pi redditizia del narcotraffico — sar un sistema di algoritmi in grado di governare attacchi terroristici, raid di hacker, blackout e altri disastri; 2) fortunatamente, saranno a disposizione nuovi modelli di investigazione e 007 ultra dotati/e disposti a vegliare su di noi; 3) nei termini spia e agente saranno annullate tutte le differenze, quelle di genere prima di tutto: n uomini n donne, solo macchine da combattimento con tanti saluti alla generazione dei machos-giustizieri alla Stallone; 4) infine, il mondo – ma questo lo sapevamo gi – sar salvato dalle donne o nisba: la sentenza dura, gli uomini nella loro gestione delle cose non hanno fatto che sbagli, il minimo che possa loro capitare di essere mandati a riposo in attesa di tempi migliori. Secret Team 355 comincia in una cattedrale del traffico di stupefacenti a Bogot, in Colombia. Un boss del cartello cerca di vendere al capataz di una specie di Spectre l’ordigno informatico di cui al punto 1, inventato dal figliolo nerd.
I malvagi vorrebbero trasformare il gingillo in un colossale business al servizio del potere degenerato, infischiandosene dei danni che ne potrebbero derivare al Pianeta. Impossibile spoilerare l’intricata storiaccia / avventura che segue con tradimenti, voltafaccia, inseguimenti, agguati, amori spezzati. Basti dire che la missione impossibile di recuperare la macchinetta viene appaltata a un dream team tutto femminile, occhi dolci e girl power, con interpreti cariche di Oscar. La guida del commando la rossa americana Mason Brown Mace, agente della Cia sotto copertura (Jessica Chastain), in pieno love affair con il collega Nick Fowler (Sebastian Stan). Ma comprende anche: Marie Schmidt (Diane Kruger) punta di diamante dei servizi segreti tedeschi vagamente schizzata, inseguita da un trauma infantile pi che dai mercenari; il genietto del web Khadijah Adiyeme (Lupita Nyong’o) ex nfant prodige dell’MI6 britannico; la psicologa colombiana Graciela Rivera (Penlope Cruz) a cui, cammin facendo si aggiunge la guerriera cinese esperta di arti marziali Lin Mi Sheng (Bingbing Fan).
L’azione, serratissima, si svolge tra Washington, Parigi, Casablanca e Shanghai. Le psicologie sono faticose, un po’ sospese. Le spione sono unite all’inizio dalla convenienza, ma ritrovano, indagando e sparando, una sorellanza e una solidariet da western viriloide. Rimpiangono i bei tempi della Guerra Fredda, quando tutto era pi chiaro: ora i nemici sono fantasmi, e troppo spesso il pericolo viene dal fuoco amico. Non sentirti in colpa per loro (gli uomini, ndr), dice la psicoterapeuta Graciela a Mace.
Il punto dolens restano comunque gli affetti maschili. Le colpe dei padri cadono sui figli, il mondo un inferno di corruzione, morale e ambientale. Il meglio che si pu fare saltare da un palazzo all’altro tamponando la deriva del malaffare. Il sequel assicurato: Mace e Marie si salutano sui titoli di coda in maniera inequivocabile. Film corale, anzi di squadra, Secret Team 355 sembra a tratti una sfilata primavera-estate, una specie di casting per rintracciare il prossimo James Bond.
Il titolo fa riferimento al nome in codice del primo agente segreta donna nella storia degli Stati Uniti (355, appunto, epoca George Washington), mentre, a quanto risulta, il ruolo di Diane Kruger era stato pensato per Marion Cotillard. Il progetto di Jessica Chastain che con il regista Simon Kinberg era gi stata protagonista di X-Men: Dark Phoenix. L’impressione che l’intento iniziale fosse quella di riunire un cast di star internazionali al servizio di un action movie ultra-pop che guarda al box office (soprattutto) e al #metoo (di sfuggita), parente prossimo di Ocean’s 8 eccetera eccetera, con la spina attaccata dal primo all’ultimo minuto. Le signore imitano i maschi, li mettono in riga, prendono il loro posto. La migliore, la pi convincente, Lupita. Il meccanismo funziona, a patto di stare in campana: perdere un minuto, uscire dalla storia, significa perdersi il meglio.

SECRET TEAM 355 di Simon Kinberg
(Usa, 2022, durata 122’)

con Jessica Chastain, Lupita Nyong’o, Penlope Cruz, Diane Kruger, Bingbing Fan, Sebastian Stan
Giudizio: *** + su 5
Nelle sale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here