come funziona il metodo più amato da modelle e influencer

0
317

I benefici del freddo, il potere della respirazione e l’approccio meditativo. Complici un post Instagram della top model Kendall Jenner, che ha totalizzato oltre 12 milioni di visualizzazioni con la foto di lei in bikini e stivali di pelliccia sulla neve di Aspen, e i video della travel vlogger Eva zu Beck che fa il bagno fra le nevi della Polonia, è venuto alla ribalta il Metodo Wim Hof, che riscuote grandi consensi fra atleti, manager e celebrity a livello internazionale. Se i benefici della ice therapy, per eliminare le tossine, combattere le adiposità e ritardare l’invecchiamento cutaneo, sono ormai realtà consolidate nel Nord Europa, adesso anche in Italia si fa spazio la concezione che il freddo, più che essere demonizzato, vada rivalutato come un alleato per tonificare i muscoli, migliorare la qualità del sonno, alleviare lo stress, lenire gonfiori e infiammazioni, stimolare il microcircolo. Ad inventare il Metodo (convalidato, fra l’altro, da un recente studio della facoltà di Medicina dell’Università di Rotterdam), è stato l’olandese Wim Hof, 60 anni, soprannominato dai suoi followers su YouTube Iceman, autore del libro La forza nel freddo.

Addio doppio mento, approvata in Usa la prima terapia iniettabile

Scoperto l’elisir di giovinezza: mix di molecole cancella l’invecchiamento cellulare


I RECORD

Hof detiene vari Guinness World Record, per aver scalato il Kilimangiaro in tempo record indossando calzoncini corti, ed essere rimasto immerso in una vasca di ghiaccio per oltre un’ora. Le pratiche del Metodo da lui creato mirano, attraverso specifici esercizi di respirazione, a sdoganare il concetto di freddo, con l’ausilio della meditazione, per avere un maggiore controllo su corpo, mente ed emozioni. Secondo Wim, forza di volontà e disciplina sconfiggono tanti malesseri della società del benessere, legati ad un sistema immunitario indebolito. Naturalmente bisogna avvicinarsi al Metodo in maniera consapevole e adeguatamente preparata. Jacopo Ceccarelli, insegnante certificato del Metodo Wim Hof, è tra i pionieri di questa tecnica nel nostro Paese, ha studiato in Olanda e in Polonia con il fondatore, e questo weekend terrà un corso a Pian dei Resinelli, vicino Lecco: «Svegliare il potenziale del corpo stimola consapevolmente la risposta immunitaria – spiega – e il Metodo, che si concilia con lo yoga (praticato dallo stesso Wim), si basa su tre pilastri: l’esposizione graduale e mai forzata al freddo, la respirazione e il Mindset, l’atteggiamento mentale meditativo» (www.jacopoceccarelli.it). Una doccia fredda rapida, al mattino a digiuno, può dare una sferzata di energia alla nostra giornata e rinforzare il sistema circolatorio: a respingere l’idea della cold therapy è solo un blocco mentale che si rimuove con l’abitudine.


IL RESPIRO

Nei corsi Wim Hof si studiano tecniche progressive per arrivare ad una respirazione circolare intensa che ha un potere antinfiammatorio: si tratta di 30 respiri profondi senza pause, seguiti da una pausa a polmoni vuoti e da un’altra pausa, più breve, a polmoni pieni; sequenza ripetuta per 2 o 3 volte. «Ma attenzione», sottolinea Ceccarelli: «È opportuno affidarsi ad un insegnante qualificato, evitando il fai da te». Le pratiche di respiro si iniziano distesi a terra, e solo quando si prende più confidenza con la tecnica si può svolgere la respirazione seduti (www.wimhofmethod.com). Ogni sessione combina la pratica respiratoria con bagni di ghiaccio, posture yoga e meditazione. Il Metodo non è indicato se si soffre di ipertensione o asma. Fra i benefici di un allenamento regolare anche la rapidità di recupero dello sforzo fisico e una maggiore lucidità mentale. La terapia del freddo stimola il metabolismo, riduce le infiammazioni muscolari, potenzia il sistema immunitario, agevola la concentrazione, l’efficienza nel lavoro e i processi decisionali.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here