HomeSaluteEpatite misteriosa nei bambini, l'Oms indaga sui nuovi casi in Irlanda e...

Epatite misteriosa nei bambini, l’Oms indaga sui nuovi casi in Irlanda e Spagna. «Potenziare i test»

Devi leggere

In Europa decine di casi di epatite acuta di origine sconosciuta in bimbi sani preoccupano l’Oms, che afferma che sta monitorando il fenomeno. Al momento si registrano 74 casi nel Regno Unito, 5 in Irlanda e 3 in Spagna, ma è probabile che i nuPotenmeri aumenteranno «Dato l’aumento dei casi segnalati nell’ultimo mese e il potenziamento delle attività di screening». L’agenzia Onu non ha racocmandato restrizioni ai viaggi nei territori interessati. 

Infezione di origine ignota: indagini in corso

Le infezioni non sembrano dipendere dai virus dell’epatite A, B, C , E e D che «Sono stati esclusi dopo i test di laboratorio, mentre sono in corso ulteriori indagini per comprendere l’eziologia di questi casi» scrive l’Oms in una nota.

Al vaglio degli scienziati c’è il possibile legame tra le infezioni al fegato e il virus Sars-CoV-2, ma non ci sono conferme «Sebbene alcuni pazienti siano risultati positivi al  Sars-CoV-2 o all’adenovirus, è necessario intraprendere la caratterizzazione genetica dei virus per determinare eventuali associazioni tra i casi», precisa l’Oms Europa che  raccomanda «fortemente» agli Stati di «identificare, indagare e segnalare i potenziali casi». 

Ad oggi non sono stati identificati altri fattori di rischio epidemiologico, compresi recenti viaggi internazionali dei pazienti.  «Nel complesso, l’eziologia degli attuali casi di epatite è ancora considerata sconosciuta e rimane oggetto di indagine attiva. Sono in corso test di laboratorio per i casi identificati per capire il ruolo di ulteriori infezioni, di sostanze chimiche o tossine» riporta l’Oms.

I primi casi notificati il 5 aprile in Scozia

L’ufficio europeo dell’Oms è stato informato il 5 aprile di 10 casi di epatite acuta grave di origine sconosciuta in bambini under 10 (11 mesi-5 anni) nella Scozia centrale. L’8 aprile nel Regno Unito erano stati identificati 74 casi, compresi i 10 scozzesi.

Successivamente altri «casi di epatite acuta di origine sconosciuta nei bimbi sono stati registrati anche in Irlanda, meno di 5 (confermati o possibili)». Anche in Spagna sono stati segnalati 3 casi confermati in bambini di età compresa tra 22 mesi e 13 anni. 

I sintomi: ittero, vomito e dolore

Dei 10 casi scozzesi notificati il 5 aprile dall’International Health Regulations (Ihr) National Focal Point (Nfp), «9 bambini hanno manifestato sintomi a marzo, mentre uno ha manifestato sintomi a gennaio. I sintomi includevano ittero, diarrea, vomito e dolore addominale. Tutti i 10 casi sono stati rilevati durante il ricovero in ospedale». L’11 aprile non è stato segnalato alcun decesso. 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here