«Maria e l’amore», il sogno (possibile) di un’altra vita (voto 6/7)- Corriere.it

0
23
di Paolo Mereghetti

L’esordio nel lungometraggio dei registi Lauriane Escaffre e Yvo Muller una favola tenera e gentile interpretata da Karin Viard e Grgory Gadebois

C’ ancora spazio nella nostra vita per le favole tenere e gentili, senza supereroi o supereroine e magari senza lacrime o spargimenti di sangue? Siamo ancora disposti a lasciarci andare a un sogno che vuole dimenticare le brutture del mondo e per lo spazio di un’ora e mezza ci parla sottovoce e cerca solo dolcezza e romanticherie? A crederlo sono una coppia di giovani francesi, Lauriane Escaffre e Yvo Muller, gi premiati con un Csar (il David francese) per Pile poil, oggi esordienti nel lungometraggio con Maria e l’amore (che l’originale Maria rve, ossia Maria sogna, sottolinea di pi la loro scelta di campo).

La protagonista Maria, interpretata da una convincente Karin Viard, una donna che si guadagna la vita facendo le pulizie e che, dopo la morte dell’anziana signora da cui lavorava, viene assunta all’Accademia di Belle Arti con le medesime funzioni. A casa lascia ogni giorno un marito in crisi esistenziale (Philippe Uchan), che cerca di dimenticare la disoccupazione stordendosi col fado ( di origini portoghesi) ed incapace di perdonare la figlia che fuggita con il suo miglior amico. Inevitabile che Maria finisca per farsi conquistare dal mondo variopinto che trova all’Accademia, fatto di studentesse alla ricerca di (strampalate) strade verso l’arte, di colleghe con i loro problemi quotidiani, di piccoli o grandi segreti (la segretaria che si nasconde per concedersi al professore, interpretati dai due registi) e soprattutto da Hubert (Grgory Gadebois), il custode con la passione per il ballo che conosce tutti i segreti del palazzo che ospita l’Accademia.

Ho detto che una favola gentile e quindi non ci si deve aspettare chiss che colpi di scena. E vista l’istintiva simpatia di Hubert, non ci vuole molto a capire che tra lui e Maria si accender qualcosa. Caso mai il dubbio riguarda gli sviluppi di quella inevitabile scintilla, perch la fedelt consustanziale al carattere riservato e schivo della donna, nella cui remissivit professionale ed esistenziale il film (sceneggiato dai due registi) trova la sua vera ragion d’essere. Lo spiega perfettamente Maria quando le chiedono se le piace il lavoro che fa: Fare le pulizie non un lavoro che si sceglie […] ma ha una sua dignit. Forse la gente non se ne accorge ma rendiamo gli ambienti pi confortevoli… poi vediamo tutto, siamo ovunque, ma non diciamo mai niente, per concludere con E questo mi piace.

Ecco, la cosa migliore del film proprio il ritratto di questa felicit senza desideri, di questa arrendevolezza senza rimpianti che Maria scambia come il proprio destino manifesto: non ha mai neppure immaginato di poter fare altre cose, di poter aspirare a un’altra vita, almeno fino al giorno in cui l’atmosfera gentilmente trasgressiva dell’Accademia le apre gli occhi su un’altra possibile vita. Per esempio accorgendosi del fascino e della bellezza di un corpo eternamente infagottato sotto grembiuli e giubbotti. E il percorso che porta Maria ad accettare di fare la modella di nudo per gli studenti non solo l’occasione per regalare al timido Hubert la possibilit di vederla come mai avrebbe immaginato, ma si rivela un passo importante lungo il percorso che la spinger a prendere coscienza della propria femminilit e ad accettare la propria salutare voglia di esibizionismo (per altro contagiosa, come si scoprir nel film). Primo, fondamentale passo verso quella accettazione di s e dei propri desideri che ci riporta alla favola gentile di cui sopra.

Certo, alla fine tutto scorre su binari fin troppo diritti e oliati. La regia dei due esordienti sembra abbastanza timorosa per osare qualche cosa che vada oltre una messa in scena tradizionale nella sua correttezza (ma poi, perch lamentarsi di un film fatto secondo le regole? Di fronte a certi arzigogoli autoriali assomiglia a una salutare boccata d’aria), e comunque le prove della Viard e di Gadebois sono di quelle che in Francia si dicono impec (impeccabile) e per il tempo di un film ti ha fatto credere che le belle favole esistono ancora.

30 ottobre 2022 (modifica il 30 ottobre 2022 | 20:27)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here