«Rambo» compie 40 anni. Stallone rompe il naso al collega e Terence Hill rifiuta il ruolo da protagonista: I 15 segreti

0
28

«Rambo» compie 40 anni, la pellicola diretta nel 1982 da Ted Kotcheff, ispirata al romanzo «Primo sangue» di David Morrell e primo capitolo della saga cinematografica sul veterano del Vietnam interpretato da Sylvester Stallone. L’attore è John Rambo, reduce decorato con medaglia d’onore che cerca di reintegrarsi nella società americana dopo essere tornato dalla guerra nel Paese del Sud-est asiatico. Appena rientrato a Hope, cittadina nello stato di Washington, si imbatte nello sceriffo Will Teasle (Brian Dennehy) che lo prende per un vagabondo e lo fa arrestare. Ma Rambo riesce a fuggire nei boschi e tiene in scacco un intero esercito di poliziotti fino a quando non lo contatta il colonnello Samuel Trautman, suo ex comandante in Vietnam. «Rambo» è un film avvincente, spettacolare e ricco di suspense. Il film si sofferma sul dramma dei reduci americani, tornati in patria dopo la sconfitta, vittime del disprezzo degli anti-militaristi e incapaci di riadattarsi alla vita normale anche a causa dei traumi vissuti durante il conflitto. Stallone è straordinario nel ruolo del berretto verde invincibile, dall’anima fragile e dalla spiccata sensibilità. Il film conquista critica e pubblico. Costato 15 milioni di dollari, ne incassa 125 e diventa presto cult. In attesa della messa in onda, ecco 15 cose che forse non sapete.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here