Romulus, lo scontro fratricida e la guerra tra romani e sabini- Corriere.it

0
31
di Valerio Cappelli

Arriva la seconda serie (acquistata da 40 paesi) : dalla genesi sul mito della Capitale, alla rivalit tra i due fratelli. La new entry Valentina Bell, come guida delle sacerdotesse. C’ una maggiore spettacolarit, dice il regista e creatore Matteo Rovere






Due re sullo stesso trono non ci stanno. Avvicinandoci allo scontro finale tra i fondatori di Roma, Romolo e Remo, in una cornice pi spettacolare, ci sono uomini che si credono dei, e dunque sono dei che perdono sangue.

Riti e miti, presagi e furie vendicative, alleanze e sottomissioni. Archetipi e sentimenti primordiali, riconoscibili, eterni: l’odio, l’amore, l’invidia, l’ambizione, la rabbia; e ancora, un’epica moderna che nel racconto mitico mescola realismo magico, intrigo politico e azione pura. Ma soprattutto un’opera di intrattenimento.

Romulus II. La guerra per Roma arriva dal 21 in otto puntate su Sky (che la produce con Groenlandia e Riccardo Tozzi di Cattleya). il secondo capitolo della serie creata e diretta da Matteo Rovere: C’ una tensione emotiva forte, pur conservando la natura arcaica.

Lascia alcune puntate nelle mani di altri tre registi, Michele Alhaique, Enrico Maria Martale e Francesca Mazzoleni. Le new entry, accanto ad Andrea Arcangeli (Yemos), Francesco Di Napoli (Wiros) e Marianna Fontana (Ilia), sono Valentina Bell nei panni di Ersilia a capo delle sacerdotesse sabine che viene rapita e portata a Roma, e Emanuele Maria Di Stefano che interpreta il pi potente nemico di Roma, Tito Tazio, l’eccentrico re dei sabini, con i suoi sbalzi d’umore e desideri perversi, come quello di ordinare a un vinto di tagliarsi la lingua perch non vuole pi sentire la sua voce. Tito Tazio, che poi sar uno dei re di Roma, e divinizzato, un villain sanguinario, erotico, suadente, femmineo. uno svalvolato che si ritiene figlio di un dio.

L’antagonista non pi la stirpe ma lo straniero che nella mitologia rappresentato dal ratto delle Sabine. Non siamo pi in una foresta ma in una citt appena fondata che vive un’armonia breve e, come scrive Plutarco, conosce una prima espansione nel segno dell’inclusione, accogliendo ladri, assassini, apolidi. E siamo in uno scontro di civilt tra due popoli diversi.

Dicono che la battaglia tra romani e sabini durata dieci giorni di riprese, con 400 stunt men; che la location centrale un’ex cava di travertino nei pressi di Guidonia; che i colori predominanti voluti dalla costumista Valentina Taviani sono il giallo della conquistata popolazione di Velia e il rosso delle tuniche dei soldati arrivati da Alba. La concordia fallace, come un sasso che piomba nelle calme acque di un lago, si spezza nel fratricidio; un altro Caino che dopo avere ucciso Abele vuole comandare uomini e dunque sfida gli dei.

Ci siamo presi alcune libert — spiega il cosceneggiatore Filippo Gravino — posticipando il momento in cui uno dei due fratelli uccide l’altro. Hanno raccontato la crisi interna al proprio ordine da cui si esce attraverso il sangue, e questo avviene sempre di fronte a una guerra che mostra i segni di una crisi imminente, avviene anche con Putin e l’Ucraina. Qui raccontiamo come nasce un leader politico, un re. Ma chi sar il re di Roma, perch si chiama Romulus e non c’ un personaggio che si chiama cos?

Uno dei protagonisti lo diventer un giorno, e questa stagione conclude un percorso (aspettando la probabile terza stagione). La scrittura, accanto alla recitazione e alla messinscena, al centro del viaggio: il protolatino, una scelta azzardata e vincente. Era un’idea da matti — dice Tozzi —, ma i quaranta Paesi che hanno comprato la serie l’hanno doppiata e sottotitolata e, come in Italia, si creato un fenomeno globale impensabile fino a cinque anni fa, per cui il pubblico con i sottotitoli sceglie la lingua originale, che valorizza la recitazione e trasmette una percezione pi immediata.

14 ottobre 2022 (modifica il 15 ottobre 2022 | 10:18)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here