«The Crown», la storia dei reali comincia a perdere fascino e scatta l’effetto parodia- Corriere.it

0
29
di Aldo Grasso

La contiguit temporale della quinta stagione opacizza il mito creato in quelle precedenti

Dalla quarta stagione passato circa un decennio, i personaggi si caricano di anni e di problemi. Il matrimonio tra Carlo e Diana sempre pi fragile, la Corona impone una seconda luna di miele in Italia che non d gli esiti sperati, anzi. E Carlo (Dominic West, quello di The Affair), sempre pi maldestro, impaziente com’ di salire al trono.

Scosso da troppe serie distopiche, da troppe serie deludenti, ho atteso con impazienza questo nuovo capito di una delle serie pi belle e coinvolgenti degli ultimi anni: The Crown (Netflix). Il racconto di Peter Morgan non rinuncia a una scrittura di grande qualit e finezza per descrivere il sistema (la monarchia, nelle parole dei componenti la Royal family): le prime immagini mostrano un finto Movietone, il cinegiornale dell’epoca, quasi a voler sottolineare lo scrupolo con cui i fatti vengono descritti.

Qualcosa per si rotto, l’incanto della Corona sta cominciando a perdere il suo fascino. Forse perch nelle precedenti stagioni la regina Elisabetta era viva e la sua scomparsa ci instrada verso una lettura un po’ malinconica. Forse, e credo che questa sia la ragione principale, i fatti narrati sono troppo vicini, li abbiamo vissuti di persona. La contiguit opacizza il mito creato nelle prime stagioni e provoca inevitabilmente un effetto parodico: l’attore che interpreta Carlo troppo bello, Diana (Elizabeth Debicki) ormai uno stereotipo, Mohamed Al Fayed (Salim Daw) diventa un problema di inclusione, la principessa Margaret (Lesley Manville) e Filippo (Jonathan Pryce) sono gli unici che si salvano in una banda di scapestrati.

Il ruolo della regina Elisabetta II (Imelda Staunton) ruota continuamente attorno al senso del dovere, quasi un’ossessione, uno spazio di indifferenza emotiva che non aiuta a uscire dalla Storia per entrare nella storia.

10 novembre 2022 (modifica il 10 novembre 2022 | 17:54)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here